ITA    ENG

!!! BREAKING NEWS !!!

Firenze, Maggio 2017


Psychoanalysis & Art: "Senses and soul"

M. Cristina Dalla Villa intervista Claudio Di Benedetto


Claudio Di Benedetto è il responsabile della Divisione Collezioni e servizi delle Gallerie degli Uffizi. E' inoltre Accademico onorario dell'Accademia delle arti del disegno e presidente del Capitolo italiano della Joseph Crabtree Foundation.
Per il VII Sypmosium on Psychoanalysis and Art è presidente del Comitato organizzativo.

http://www.florencepsych-art2017.com/


D: Psychoanalysis & Art è il titolo molto intrigante del Simposio che si terrà in maggio all'Istituto degli Innocenti. Da dove viene questo accostamento che diviene ancora più esplicito nel tema "Senses and soul"?

R: Quello che si tiene nella splendida cornice del rinnovato Istituto degli Innocenti, dal 18 al 20 maggio, è il settimo simposio su arte e psicoanalisi, dopo il successo delle precedenti edizioni fiorentine. In effetti, Firenze può vantare un lungo e pionieristico ruolo in materia di rapporti fra arte e psiche: già ai primi di questo Millennio, Graziella Magherini, Antonio Paolucci, Adolfo Pazzagli e altri amici hanno dato vita all'associazione interdisciplinare "Arte e Psicologia" (poi International Association for Art and Psychology), che ha riempito spazio e tempo di affascinanti contributi e temi, in un crescendo di attenzione nazionale e internazionale, di rapporti e di sinergie. Che nel tempo si sono sviluppate,"imbarcando" protagonisti di prima grandezza negli Stati Uniti e non solo (voglio solo ricordare qui Harold Blum e Laurie Wilson). La "parentela" e le connessioni fra le due [macro] discipline sono più intrinseche di quanto possa sembrare se ci si limita a considerare le vocazioni scientifiche da una parte e umanistiche dall'altra. Il rapporto della creazione e percezione artistica con  l'universo interiore di ciascuno (creatori e percettori) è ineludibile e praticamente infinito. Il titolo di quest'anno - "Senses and soul", appunto - enfatizza proprio il ruolo della percezione, accomunando tutti noi (portatori più o meno sani di sensi e di anima) con tutte le arti e le forme espressive della creatività e, dunque, della civiltà umana: la poesia, le arti visive, la musica... tutto ciò che colpisce i sensi e arriva all'anima - positivamente o negativamente, s'intende.

D: Scorrendo il programma si resta veramente colpiti dal fatto che i relatori spazino da Vermeer, alla Pop Art, alla musica, addirittura al fetish... Dato che lei dovrà tirare le somme del Simposio come potrà trarne una logica unificante?

R: Bella domanda! In effetti il programma è ricco, articolato, qualificato per temi e relatori - spaziando, come ricordava lei, in un orizzonte vasto di temi e di apparenti parallele destinate a non incontrarsi. In realtà, "tout se tient" e la sedimentazione di linguaggi, stili, forme, suoni è un unicum che tiene insieme la storia dell'umanità, che ne giustifica il ricorso alla creazione artistica per superare e sublimare la pura e semplice - quanto necessaria! - sopravvivenza materiale... Naturalmente non conosco le mie conclusioni (che saranno, in realtà, condivise insieme alla co-chair Laurie Wilson), dal momento che dei contributi in programma conosco solo il titolo e, in alcuni casi i meriti dei relatori. Diciamo che finite le fatiche e le cure dell'organizzazione (che non sarebbe stata possibile senza i colleghi al di qua e al di là dell'Atlantico, e di ENIC), arriva il momento in cui ci si siede fra il pubblico, curiosi di ascoltare e imparare. Cosa che, sono certo, avverrà - con il valore aggiunto della condivisione o del rispettoso dissenso. Dunque, questa domanda andrebbe posta di nuovo il pomeriggio del 20 maggio.

D: In qualche modo si sfiora anche il tema politico in una plenaria dedicata al "fascismo in  musica" con i Carmina Burana che tornano abbastanza spesso sulle nostre scene in varie forme : cosa ne pensa?

R: Non suoni banale la scontata affermazione che "politica" e arte sono strettamente connesse da sempre - e che l'arte è spesso stata (ed è) espressione di conformismo o dissenso, verso o contro il "potere". E psicologia, psicanalisi e psichiatria sono stati nel tempo (recente, ovviamente) strumenti amici o elementi nemici del potere stesso. I nostri simposi sono sempre stati naturalmente apolitici, ma non di meno animati da intelletti molto attenti alle dinamiche del mondo sociale e civile, non solo della sua interpretazione o rappresentazione. Chiedo venia per l'autocitazione se ricordo che già nel VI simposio del 2014, proprio io affrontai il tema della percezione artistica come godimento - che prescinde dalla contestualizzazione della sua creazione - e della successiva ombra che può proiettarsi sul godimento stesso, quando si apprendono informazioni sull'autore, sul suo pensiero, sul contesto politico del suo tempo e della sua opera. E portai come esempio proprio Wagner. Tornado a quest'anno, ignoro come David Rosenmayer affronterà il tema dei celeberrimi e iconici "Carmina Burana" di Orff e, come dicevo prima, ascolterò con attenzione e curiosità le argomentazioni e il taglio che seguiranno l'interessante titolo.

Se posso riassumere in due parole, dal 18 al 20 maggio eminenti specialisti dell'anima e dell'arte, nelle sue più svariate espressioni, animeranno una proficua e interessante discussione sul tema die sensi e dell‘anima. La cornice della città, la suggestione dei luoghi e dei temi stessi, tutto contribuirà - ne sono certo - a rinnovare, anche per il futuro, il patto con questa città.








foto enic

Luglio 2018
2018 IBCPC Dragon Boat Festival ...
FIRENZE IN ROSA
Non potrebbe essere più felice la Presidente del 2018 IBCPC DRAGON BOAT FESTIVAL Lucia De Ranieri per i risultati raggiunti con l'evento tenutosi a Firenze dal 6 all'8 luglio. 121 squadre, 4000 partecipanti in rappresentanza ... (Leggi tutto)

Torna su